Technologies for Satellite, Sensors, BigData and Artificial Intelligence Development
 
TECS - TECHNOLOGICAL CONSULTING SERVICES S.R.L.

G60-La spinta tecnologica del mercato spaziale

Le future costellazioni orbitanti su orbite non geostazionarie(NGSO), i satelliti geostazionari(GSO) per data relay nonché  i satelliti per telecomunicazioni, riconfigurabili ed  a multiplo accesso, richiedono intersatellite links(ISL) ad alto data rate per superare la capacità di saturazione del feeder link.

 ISL a radiofrequenza sono operativi da oltre 20 anni e gli attuali ISL raggiungono un throughput di di 1 – 2 Gbps per canale. Maggiori data rate possono essere raggiunti con link ottici come sulla piattaforma EDRS che raggiunge throughput di 1.8 Gbps  e 5,625 Gbps rispettivamente su lunghe distanze e brevi distanze.

I sistemi ottici sono certamente “challenging” ed  hanno elevate prestazioni, tuttavia hanno stringenti requisiti di controllo termico, accuratezza di puntamento, costi elevati, etc…

Una soluzione alternativa può essere individuata nei sistemi a radiofrequenza operanti a bande molto alte , i.e. intorno ai 60 GHz,  dove una significativa ampiezza di banda (da 59 a 71 GHz) è disponibile.  Al riguardo si valuta che data rate   superiori a 10 Gbps sono fattibili  per coprire distanze  di almeno 5ooo Km ed anche maggiori data rate per distanze inferiori  A tale scopo la sfida tecnologica si pone nello sviluppo di tecnologie , attualmente critiche , per la realizzazione di SSPA operanti in banda V.  Soluzioni promettenti  si profilano nell’ impiego di tecnologie  dei semiconduttori al GaN  che consentono di ottenere allo stesso tempo  una maggiore densità do potenza RF ed una complessiva efficienza di processo più elevata.  In questo campo si rileva, come al solito che gli USA sono avanti di oltre 20 anni , tuttavia è significativo  che da qualche anno anche in Europa gli operatori più attenti si siano lanciati nell’impresa.  A tale riguardo è molto importante che Lazio Innova nell’ ambito del bando europeo POR FESR 2014 – 2020 abbia supportato lo sviluppo del progetto GANIMEDE 60 e che l’ Agenzia Spaziale Europea(ESA)  recentissimamente abbia emesso l’ ITT  AO  9719   per lo sviluppo di u n SSPA a 60 GHz  da realizzare con tecnologie  GaN.

Vai al prossimo articolo: Attività e risultati